Agevolazioni per PMI: il Fondo 394 di SIMEST riparte dal 3 giugno

Con Comunicato stampa del 1 giugno, SIMEST informa che dal 3 giugno riparte il Fondo 394, gestito in convenzione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale per la concessione di prestiti a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese italiane, principalmente PMI.

Si tratta di sette linee di finanziamento a tasso agevolato messe a disposizione da SIMEST per permettere alle aziende italiane di inserirsi e rafforzare la propria posizione nel contesto competitivo globale.

Le agevolazioni riguardano vari ambiti: 

  • finanziamento degli studi di fattibilità collegati a investimenti esteri, 
  • partecipazione a fiere e mostre internazionali (anche in Italia),
  • inserimento commerciale in nuovi mercati e assistenza tecnica in loco, 
  • sviluppo dell’e-commerce; 
  • supporto di figure professionali dedicate:
    • all’ internazionalizzazione, digitalizzazione e innovazione quali temporary export manager, i digital manager e innovation manager
    • alla patrimonializzazione.

L’operatività del fondo ha risorse per circa 2,1 mld ripartiti come segue:

  • circa 1,6 per i finanziamenti a tasso agevolato
  • e oltre 500 mln a fondo perduto

riconducibili in gran parte a quanto stanziato complessivamente dal decreto “Sostegni Bis”.

Clicca qui per visitare la sezione dedicata del sito SIMEST

Attenzione va prestata al fatto che  il Sostegni bis pubblicato in GU n 123 del 25 maggio 2021 ha stabilito per sei dei sette strumenti (con esclusione della Patrimonializzazione) la possibilità di richiedere entro il 2021 una quota di co-finanziamento a fondo perduto fino al limite del 25% del prestito, per un ammontare massimo di 800.000 euro per impresa beneficiaria, comprensivo delle quote a fondo perduto eventualmente già deliberate.

Come specificato dal comunicato, il Comitato agevolazioni potrà rideterminare la soglia di concessione dei cofinanziamenti a fondo perduto e le relative condizioni, tenuto conto delle risorse disponibili e dell’ammontare complessivo delle domande di finanziamento presentate dalle imprese.

Leggi anche: Misure per export e internazionalizzazione: cosa contiene il Sostegni bis