Dichiarazione 730/2015 rettificativa entro il 10 novembre: istituito il codice identificativo

Da poco Caf ed intermediari abilitati hanno concluso l’invio dei modelli 730/2015, in quanto il termine era stato posticipato al 23 luglio. Ora, con la Risoluzione n. 69/E/2015 pubblicata ieri 30 luglio, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice identificativo «73 – Contribuente» che Caf e intermediari devono indicare nel modello F24 per versare la sanzione ridotta a 1/8 del minimo in caso di dichiarazione rettificativa del modello 730/2015 da presentare entro il prossimo 10 novembre. Il codice identificativo istituito serve a ricondurre il pagamento della sanzione alla dichiarazione del contribuente oggetto di rettifica. Pertanto, all’interno dell’ F24 dovranno essere indicati nell’apposita sezione denominata «Contribuente» i dati anagrafici, il codice fiscale e il domicilio del Caf o del professionista abilitato intestatario del pagamento. Nel campo «Codice fiscale del coobbligato, erede, genitore, tutore o curatore fallimentare», si dovrà, invece, riportare il codice fiscale del contribuente a cui si riferisce la dichiarazione oggetto di rettifica, unitamente alla compilazione del campo «Codice identificativo» nel quale indicare appunto il codice «73». Il codice tributo da usare per la sanzione è 8925.