Case vacanza con Iva detraibile

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 18/E del 22 febbraio 2012, ha chiarito che gli immobili abitativi inequivocabilmente utilizzati nell’ambito di un’attività di tipo ricettivo (gestione di case vacanza, affitta camere, residence, b&b, agrituirismi, eccetera) che comporti l’effettuazione di prestazioni di servizi imponibili ad Iva, vanno trattati, a prescindere dalla classificazione catastale, come fabbricati strumentali per natura. Di conseguenza, l’Iva assolta per il loro acquisto, la loro locazione (anche finanziaria) e la loro manutenzione è detraibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *