Antiriciclaggio 2017. Il CNF aggiorna le FAQ utili per gli avvocati

Pubblicata dal CNF la circolare “Gli adempimenti antiriciclaggio per gli avvocati” attraverso cui il Consiglio nazionale Forense fornisce agli avvocati chiarimenti sulla materia dell’antiriciclaggio contenuta nel D.Lgs. 90 del 25.5.2017, di recepimento della Direttiva UE 2015/849.

Suddivisa per argomenti, la circolare risponde alle più cruciali domande che il professionista potrebbe porsi con riguardo alle disposizioni e agli oneri imposti dal D.Lgs. antiriciclaggio.

Data la rilevanza della materia, il CNF ha ritenuto necessario pubblicare la circolare dedicata all’antiriciclaggio, cogliendo l’occasione per aggiornare anche le FAQ, già pubblicate sul sito del Consiglio nel novembre 2016.

Tra le 40 FAQ proposte dal CNF segnaliamo:

  • Cosa è il riciclaggio?
  • Quando le disposizioni antiriciclaggio si applicano agli Avvocati?
  • Quali sono le principali fonti normative?
  • Le disposizioni antiriciclaggio introducono particolari obblighi in capo agli Avvocati: in sintesi, quali sono?
  • L’obbligo di identificazione del cliente ha dei connotati particolari?
  • Quando va effettuata l’identificazione del cliente?
  • Vi sono degli obblighi in capo al cliente?
  • Con quale modalità va realizzata l’identificazione del cliente?
  • Sono previsti obblighi di formazione per i collaboratori che fanno parte dello Studio con riferimento ovviamente alla normativa antiriciclaggio?
  • Qual è il regime sanzionatorio previsto dalle disposizioni antiriciclaggio?

Al termine della circolare il Consiglio Nazionale degli Avvocati, propone in allegato una “Scheda e dichiarazione del cliente in relazione agli obblighi privacy e antiriciclaggio” e una “Scheda di valutazione del rischio”. In particolare:

la scheda e dichiarazione del cliente in relazione agli obblighi privacy e antiriciclaggio: che il professionista potrà presentare al cliente al fine di informarlo circa il trattamento che lo studio farà dei suoi dati personali, con riguardo anche alle finalità previste dalla vigente normativa in materia di antiriciclaggio. Alla suddetta dichiarazione il cliente dovrà allegare il documento d’identità del cliente;

– la scheda di valutazione del rischio: in cui riportare i dati connessi alla tipologia del cliente, alla natura della prestazione, al valore della prestazione, al compenso finale richiesto dal professionista al cliente, etc.

Di seguito la circolare del CNF "Gli adempimenti antiriciclaggio per gli Avvocati"

Allegati: