Bonus facciate: cosa devo indicare nel bonifico?

Bonus facciate: cosa devo indicare nel bonifico?

Con una risposta pubblicata sulla rivista on line Fisco Oggi, le Entrate rispondono ad un contribuente che chiede quale riferimento normativo vada indicato nel bonifico bancario di pagamento delle spese di ristrutturazione per le quali si voglia usufruire del bonus facciate.

L'agenzia nel rispondere ricorda innanzitutto che la detrazione del 90% per le spese relative a interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in zona A o B (il cosiddetto bonus facciate) è stata istituita dalla legge di bilancio 2020 (legge n. 160 del 27 dicembre 2019 – art. 1, commi 219-224).
Per usufruire del bonus facciate le persone fisiche non titolari di reddito d’impresa devono effettuare il pagamento mediante bonifico bancario o postale dal quale risulti:

  • la causale del versamento,
  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione, 
  • il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale è effettuato il bonifico (ditta o professionista che ha effettuato i lavori).

Se possibile, vanno indicati anche gli estremi della legge n. 160 del 2019.
Tuttavia, specifica l'agenzia, l’agevolazione è comunque riconosciuta qualora non sia possibile indicare il riferimento normativo, a condizione che il bonifico sia compilato in maniera da non pregiudicare il rispetto da parte degli istituti bancari o postali dell’obbligo di operare la ritenuta d’acconto a carico del beneficiario del pagamento.